fbpx

Una delle domande esistenziali che più assilla il mondo del lavoro nel nuovo millennio riguarda il Social Media Manager, una di quelle figure semi-leggendarie nate nel Nuovo Mondo dei New Media. Il problema per chi si ritrova dalla parte dell’imprenditore che assume o dalla parte del lavoratore che volesse formarsi professionalmente è lo stesso. Qual è lo stipendio di un Social Media Manager? E soprattutto, che cosa fa esattamente?

Vediamolo insieme.


COSA FA IL SOCIAL MEDIA MANAGER?

Questa figura mitologica di nuova invenzione è legata alla recente, ormai non troppo recente, espansione dei social media nel mondo del web e nelle nostre vite. Se un giorno si cantava video killed the radio star oggi si canta social media killed the press star, ossia questa nuova rivoluzione tecnologica ha portato all’ascesa di questi new media e alla conseguente crisi di alcuni vecchi media, soprattutto quelli cartacei. Oggi una storia Instagram ben fatta vale 1 milione di volantini e 1 miliardo di annunci sul giornale. Anche i più anziani ormai hanno almeno un profilo social e per i più giovani sono diventati la prima fonte d’informazione. Basterà vedere i dati della crisi cronica dell’editoria e della stampa.

All’inizio della rivoluzione, negli anni in cui uscirono MySpace, YouTube, Facebook, non era così complicato gestire una pagina e forse non portava via così tanto tempo. Ma quando si capirono le potenzialità economiche di questo nuovo settore i social sono diventati, insieme ai videogiochi, la più grande piattaforma d’investimento di pubblici e privati. I proprietari delle piattaforme lo sapevano e si sono attrezzati. Come al solito, il successo è una questione d’equilibro, ed esso fu trovato tra la gratuità intoccabile del servizio social (che oggi diamo per scontato, ma sbagliando) e la fornitura di ulteriori servizi pubblicitari facoltativi. Così nacque nacque la scienza del Social Media Marketing e, da qui in avanti, ci sarebbe stato bisogno di figure altamente specializzate e dedicate solo a questo.


Ad ogni modo qui non siamo fare una storia dei social media, perciò andiamo subito a vedere quali sono oggi le mansioni del social media manager, cercando di elencarne quelle comuni a più o meno tutte le piattaforme. Dobbiamo subito comprendere che questa professione, nonostante abbia un nome preciso, è molto ibrida e include diversi tipi di sapere.


SOCIAL MEDIA MARKETING

Non si può fare comunicazione senza una strategia di marketing, altrimenti non serve a niente. Il social media manager ha il compito di collaborare con il gruppo marketing, aiutare ad analizzare i dati di mercato, i dati dell’impresa, nella targetizzazione, l’individuazione del pubblico e la creazione di una strategia organica di crescita nel lungo periodo. Ciò comporta le scelte più svariate come a.e. COME e QUANDO far partire una campagna pubblicitaria, su QUALI social, confrontarne i risultati e valutare in quale direzione proseguire. Ebbe, diversamente da ciò che potrebbero pensare alcuni bottegai, per far partire una campagna UTILE non servono minuti, ma ore. Poi a voi la scelta.

GESTIONE PAGINE

Detta così sembra facile, ma quando devi gestire più pagine social, magari 4 o 5 su Facebook, le corrispettive su Instagram, su YouTube, LinkedIn, gruppi WhatsApp etc., devi saperti organizzare per non impazzire. Il pannello amministratore delle pagine è colmo di strumenti, dalle info alla safety, dalle inserzioni ai contenuti, che devono essere tenuti sotto costante controllo e aggiornamento. Questo non può certo farlo un buon imprenditore da solo, ma deve delegarlo a una figura apposita.

GESTIONE DELLA COMMUNITY

Altra mansione importante è quella di gestire tutte le relazioni con gli utenti che possono interagire con le pagine social, per qualunque motivo e in qualunque modo. Sarà compito del manager eventualmente trasferire questi leads al cliente/imprenditore. Oltre a ciò egli dovrà fungere anche da centro informazioni per tutte le possibili domande fatte all’azienda, oltre che moderatore delle sezioni commenti.

CREAZIONE CONTENUTI

Non si deve dimenticare che, a meno che non si tratti di una grossa azienda, la quale ha la capacità economica di assumere più persone per ogni ruolo di social media management, creando così un team (il massimo auspicabile ma chi se lo può permettere?), il smm dovrà fare tutto da solo. Ebbene tutte le figure che nel migliore dei mondi possibili sono professioni separate, tipo il graphic designer, web designer, copywriter, content manager, videomaker, etc.. (uso l’inglese per fare il figo), possono unirsi nello sfortunato Social Media Manager. Perciò abbisogna sapere un po’ di tutto. Un minimo di conoscenza di editing grafico e dei principali software (oltre che un pò di gusto) è necessaria per curare l’estetica delle pagine. Sarà necessario scrivere testi, biografie, inserire informazioni, scrivere articoli e possedere dimestichezza con la scrittura per la comunicazione. Potrebbe essere inoltre necessario avere almeno una conoscenza base del videomaking e del video editing, oltre che saper fare le stories. Perciò questa professione non richiede solo tecnica ma anche creatività.


LO STIPENDIO DI UN SOCIAL MEDIA MANAGER

Come avrete capito dai paragrafi precedenti la flessibilità di questa professione è massima e sicuramente per stilare un preventivo è assolutamente necessaria una consulenza (o più di una) tra smm e cliente. Si devono capire i bisogni dell’azienda, il tempo da dedicarci, la quantità e la qualità del lavoro richiesto. Oltretutto dipende anche da un’autovalutazione del professionista: se è un ragazzo all’inizio (un Junior Social Media Manager) magari può accontentarsi di 15h, se è invece un veterano può pretendere molto di più.

Ad ogni modo, considerando solo le PMI, possiamo ritenere che il range tra un pagamento minimo, in cui il servizio si limita a un social e pochi giorni dedicati al mese e uno massimo, in cui il smm deve star dietro a più piattaforme, ogni giorno e con variegate mansioni, sia tra i 250 euro e i 900 euro mensili. Ovviamente le cifre sono solo indicative e le parti si possono accordare come più gli pare. Schematizzando:

minimo – 250 €

massimo – 900 €

Il Social Media Manager ha poca esperienza/ha un solo social da gestire/pochi giorni dedicati al mese/parte dei contenuti sono forniti dal cliente

Il Social Media Manager è esperto/ha tanti social da gestire e coordinare/produce tutti i contenuti/lavoro giornaliero sulle pagine


Si ricorda che queste cifre valgono in primis per le PMI, perciò nelle aziende più grandi è ovviamente tutta un’altra storia. Comunque speriamo di avervi dato un’idea della professione e di cosa comporta, sia che siate dei wannabe manager oppure che ne vogliate assumere uno (in quest’ultimo caso consultate la nostra pagina servizi dedicata).


Potrebbero anche interessarti:

Per approfondire:

Quanto costa un Social Media Manager? | Luca De Matteis

Social Media Marketing, quanto farsi pagare? – Veronica Gentili

Cos’è un Social Media Manager? E quanto costa? (niroinformatica.it)

Come diventare Social Media Manager – Effettoundici


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar