fbpx

Hai bisogno di una pagina Privacy Policy per il tuo sito WordPress e non sai da dove iniziare? Qui abbiamo i consigli che fanno per te.


Prima di tutto, a corsa serve questa pagina?

Da ormai tanti anni il flusso di dati che percorre l’internet è enorme e variegato e parte di questi sono stati considerati dalle recenti leggi sulla privacy come ‘sensibili’ e necessitanti di regolamentazione. Ogni volta che entriamo su un sito dobbiamo permettere a tale sito di accedere ad alcune nostre informazioni personali, a.e. da quale luogo geografico stiamo navigando. Questa grande collezione di dati compiuta dai siti (attraverso i cosiddetti cookie) o dai motori di ricerca consente agli utenti che lavorano sul web di indagare il pubblico, l’audience e organizzare strategie di marketing sempre più mirate e raffinate.

Per questo motivo nel il 4 maggio 2016 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Europea il GDPR (General Data Protection Regulation), il quale ha come scopo dichiarato la protezione e regolamentazione dell’uso da parte delle aziende dei dati personali dei cittadini europei. Allo stesso tempo le leggi promulgate in materia sono state plurime e tra esse annoveriamo la CCPA e la ePrivacy, delle quali il webmaster dovrà tenere conto nella costruzione del sito. Per saperne di più su questi provvedimenti clicca sui link a loro correlati.


In cosa consiste una pagina di Privacy Policy?

All’interno di questa pagina occorrerà elencare tutti i modi in cui il sito web raccoglierà, archivierà e userà i dati dei visitatori. Questi ultimi sono di vario tipo e dipendono dallo scopo del sito, ma in genere sono le generalità della persona, l’indirizzo IP, la posizione geografica, la frequenza d’accessi, etc.. Tra le informazioni che devono essere fornite al visitatore vi sono:

  • L’identità del proprietario del sito
  • in che modo sono raccolte e archiviate
  • in che modo sono protette
  • quali dati saranno raccolti
  • eventuale utilizzo da terzi (Google Analytics, Facebook Pixel, etc.)
  • contatti del proprietario del sito

Ad ogni modo andiamo più nello specifico e vediamo come creare questa pagina di privacy. WordPress mette a disposizione una sezione dedicata al tema sotto a impostazioni > privacy nel pannello amministratore.

In questa sottosezione WordPress vi fa presente l’importanza della pagina Privacy e da qui vi permetterà di crearla, modificarla o visualizzarla. Inoltre vi fornisce anche una guida utile che vi elenca tutti i paragrafi che saranno necessari alla pagina. Vediamola nel dettaglio.


Guida WordPress alla creazione di una pagina di Privacy Policy

Inizialmente abbiamo un’introduzione nella quale ci viene spiegata l’organizzazione e la finalità della guida.

Successivamente avremmo il primo paragrafo che WordPress ci consiglia di inserire nella nostra pagina, ossia il chi siamo. In questa parte dovrete sostanzialmente presentare voi e la vostra azienda.

QUALI DATI PERSONALI RACCOGLIAMO E PERCHÉ LI RACCOGLIAMO

Nel secondo paragrafo si passa alle informazioni importanti, infatti si dice quali dati vengono raccolti dal tuo sito e a quale fine. La raccolta non è dovuta solo alle interazioni del visitatore ma anche all’azione di processi tecnici come i cookie.

All’interno di questo paragrafo dovranno essere incluse le seguenti componenti:

  • Commenti
  • Media
  • Modulo di contatto
  • Cookie
  • Contenuto incorporato da altri siti web
  • Analytics

Il paragrafo commenti (vedi immagine sopra) sarà utile se raccoglierai e farai uso dei dati forniti dai commenti degli utenti.

Il paragrafo media lo aggiungerai se il tuo sito prevede la possibilità per i visitatori di inserire immagini o video all’interno.

Il modulo di contatto non è un’impostazione base di WordPress ma, nel caso ne necessitassi e installassi un plugin apposito, dovrai prevedere un paragrafo dedicato

Uno dei paragrafi fondamentali sarà ovviamente quello dedicato ai cookie. Ormai tutti i siti che si rispettano li usano e voi non vorrete essere da meno, perciò ecco WordPress che nella parte con sfondo bianco vi suggerisce un testo. Se vuoi sapere cosa sono i cookie nel dettaglio clicca qui.

Dopo i cookie dovresti pensare a un paragrafo che, nell’eventualità che il tuo sito utilizzi contenuti incorporati da altri siti, avverta il visitatore che i suoi dati saranno utilizzati da questi terzi proprio come se egli fosse sui loro siti. Perciò allestisci un contenuto incorporato da altri siti web.

Altrettanto importante è il paragrafo analytics, ovvero dove si avvertono i visitatori che il sito utilizza pacchetti e plugin analitici che processano i dati statistici.

CON CHI CONDIVIDIAMO I TUOI DATI

In questo paragrafo dovrai far presente al tuo pubblico verso chi e con chi saranno condivisi i loro dati, a.e. partner, fornitori di servizi etc.

PER QUANTO TEMPO CONSERVIAMO I TUOI DATI

Teoricamente dovresti far presente anche per quanto tempo conservi i dati che raccogli, che sia una settimana o 10 anni, perciò servirebbe un paragrafo apposito.

QUALI DIRITTI HAI SUI TUOI DATI

Accertati di fornire anche un paragrafo nel quale elenchi i diritti che i tuoi visitatori hanno su i loro dati, a.e. la loro cancellazione, etc..

DOVE SPEDIAMO I TUOI DATI

In questo paragrafo invece dovresti essere capace di informare il tuo pubblico sulla destinazione dei dati da te raccolti e che ciò sia conforme alle regole europee, sia per i cittadini all’interno dell’UE, sia per quelli all’esterno della Comunità.

LE TUE INFORMAZIONI DI CONTATTO

Un altro paragrafo utile è quello in cui fornisci i dati alle persone che, in caso di problemi concernenti la privacy, potranno contattare te o un tuo DPO (Data Protection Officer), ossia un Responsabile della Protezione Dati.

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE

In quest’ultima parte, se volete essere cristallini e fare una pagina privacy inattaccabile, potrete inserire delle ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali da voi compiuto. Qui mettiamo una lista delle voci:

  • Come proteggiamo i tuoi dati
  • Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati
  • Da quali terze parti riceviamo dati
  • Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell’utente
  • Requisiti di informativa normativa del settore

In questi ultimi paragrafi dovresti specificare il modo in cui dati sono protetti, anche in caso di falla. Informare sull’eventualità che tu riceva dati da terze parti e infine se il tuo settore prevede delle norme sulla privacy ad hoc.


Ovviamente utilizzare la guida WordPress è solo uno dei metodi per la preparazione di una pagina sull’argomento. Teoricamente potreste anche farvi aiutare dal vostro avvocato. Comunque succede spesso che si ricorra a plugin utili oppure siti web (come Free Privacy Policy.com o Iubenda.com) che ti generano automaticamente il testo da inserire. Un consiglio spassionato che possiamo fare è quello di evitare di fare copia-incolla da altri siti, poiché ogni sito ha bisogno delle sue specifiche e della propria personalizzazione. Perciò meglio dedicare un po’ più tempo a questo tema ed evitare di incorrere in sgradevoli sanzioni, tanto una volta che ce l’avete non dovrete tornarci molto spesso.

Grazie per la lettura e se avete delle domande lasciatele nei commenti!


Potrebbero anche interessarvi:

Per approfondire:

Privacy policy per sito web: come scrivere questa pagina (mysocialweb.it)

Come scrivere una privacy policy per il sito web | italiaonline


0 commenti

Lascia un commento